.



" Brilla nell'aria, e per li campi esulta, sì ch'a mirarla intenerisce il core"...
(G.Leopardi, Il passero solitario)


martedì 30 luglio 2019

35...[ disonestá e assurditá ]

Mi sembra piu' che disonesto come si organizzano i concorsi pubbici.
Ecco a mio dire e' impossibile affrontare prove preselettive in tempistiche ridottissime in proporzione ai calcoli e ai ragionamenti con il solo ausilio della mente.
Io sono perplessa, mi sembra decisamente assurdo.
Non si possono imparare sequenze numeriche a memoria.
Non si possono fare calcoli di radice quadrata, potenze, percentuali e divisioni a piu cifre in un minuto.
Sono senza parole.
Per non parlare di altre modalità solo per pochi.

A volte mi chiedo...ma come ci sono arrivata a ridurmi ai concorsi pubblici?

15 commenti:

  1. ma non ci pensare al lavoro, non lo sai che è stata abolita la povertà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me a sto punto ti puoi pure licenziare. Stai a pensa alla pensione hanno abolito la poverta'.

      Elimina
  2. Ce la poi fa'. Sei una scheggia (a volte impazzita, ma pur sempre scheggia..)

    RispondiElimina
  3. appunto :-) comunque il mio obiettivo è smettere di lavorare tra 5 anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non oggi se la poverta' e' stata abbattuta.

      Tu rispondi senza mai metterti nei panni dell'altro. Non riesci a fare diversamente ahime!

      Elimina
    2. E te non avevi capito che stavo citando Di Maio....

      Elimina
  4. Così va.. se hai i soldi da parte ti crei da solo una prospettiva lavorativa. Sennò, t'attacchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teoria anche mia.
      Who....benvenuto!!!

      Elimina
    2. Grazie, cara. Hai davvero un blog interessante. Ma sono una donna :)

      Elimina
  5. Dai, si imparano i quiz, poi le batterie sono sempre le solite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro i quiz si imparano, cioe meta' o meno della meta', ma la logica e' logica e i numeri non si imparano a memoria. Le prome selettive scremano...in un concirso ho un mese per prepararmi ....quindi miracoli ci vogliono.

      Elimina
  6. Ti assicuro che si imparano a memoria, non nascondo che sia faticoso, ma lo puoi fare!

    RispondiElimina
  7. Se decidi di provarci preparati al meglio che puoi.
    Buona fortuna!
    Dai, che sei in gamba :D

    RispondiElimina
  8. Non conosco nessun dipendente pubblico che sopravviverebbe nel "mondo reale", quindi dubito che i concorsi siano realmente selettivi. Oppure, selezionano con criteri senza un senso apparente. Ci sono due ragioni per il concorso. La prima è vivere in un posto dove, come recita la vulgata, "o fai il malvivente o fai lo sbirro", cioè non ci sono altre opportunità. La seconda è per ottenere un lavoro che garantisce la "sicurezza" perché come dipendente pubblico sei intoccabile e non implica tanta fatica, anche se, per via degli stipendi uguali dappertutto, il Calabria vivi dignitosamente e a Milano muori di fame. Qui dove vivo le opportunità ci sono ma nella maggior parte dei casi ormai sono tutte posizioni precarie, cioè non esiste più il famoso "posto fisso". E' un mondo dove perfino i bancari, i dipendenti che una volta erano considerati i più tutelati del mondo, vengono licenziati. Figurarsi i dipendenti delle piccole e medie aziende, che sono la maggior parte.

    Circa la "povertà", due osservazioni.
    La prima è il solito ritornello, in Italia non esiste il concetto del "collocamento" e il concetto del "sussidio di disoccupazione". Non esistono perché gli amichetti di certi quipresenti hanno preferito dare "il lavoro" in gestione al PCI e tutte le sue emanazioni. I "diritti del lavoratori" (e quindi anche dei disoccupati, che dovrebbero essere "lavoratori potenziali") in realtà da sempre sono "concessioni" gentilmente elargite dalla "sinistra" ed elargite in maniera del tutto arbitraria. Le condizioni contrattuali, che dovrebbero risultare da una trattativa tra chi domanda e chi fornisce la prestazione, in realtà da sempre sono decise da un terzo, quarto, quinto personaggio che si interpone tra le parti e che ha delle logiche tutte sue.
    La seconda osservazione è che certi quipresenti dovrebbero avere quel minimo di decenza di non fare del sarcasmo sulle proprie piaghe purulente ma se avessero la consapevolezza di quelle piaghe, non sarebbero "compagni" o "europei" o "cittadinidelmondo" o come si fanno chiamare nei prossimi dieci minuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'attestato di stima, io non ho lavorato un giorno nel pubblico 😃

      Elimina